Sei qui: Home / Chi siamo / Storia illuminazione / La guerra
La guerra

La guerra

La guerra spinse verso la definitiva maturazione dell'apparato industriale italiano, compreso il settore energetico. Furono comunque anni difficili per l'illuminazione pubblica in tutte le città italiane: la mancanza di carbone infatti ne limitò sensibilmente le potenzialità. In più la paura dei bombardamenti indusse le autorità ad ordinare l'oscuramento notturno.

Il 31 marzo 1916 avvenne in città la prima prova di oscuramento generale. La drastica riduzione dell'illuminazione a gas e l'interruzione quasi totale dell'erogazione di energia elettrica lasciarono la città al buio per più di tre anni. Anche a guerra terminata Firenze comunque continuò a soffrire di una pessima illuminazione; la fine dell'emergenza non portò il miglioramento auspicato e in città i mugugni si fecero consistenti.
L'annunciato ripristino dell'illuminazione pubblica tardò infatti a tradursi in realtà: soltanto nel 1921 il servizio venne del tutto riattivato e la città riassunse l'aspetto di prima della guerra.

Gli anni 20 sono cruciali ai fini della storia dell'illuminazione pubblica in quanto che segnano il definitivo abbandono del gas. In quel decennio viene avviata da parte del Comune la progressiva sostituzione delle vecchie lampade a gas. In pratica il gas sparì dalle strade della città per rifugiarsi nelle case della gente. Le 1.463 lanterne a gas ancora in funzione nel 1928, quattro anni dopo si erano ridotte a 52.

Gli unici lampioni a gas che riuscirono a resistere all'ondata di piena dell'elettricità furono quelli situati in alcuni degli angoli più suggestivi della città, fra cui piazzale Michelangelo e Bellosguardo: il gas si era trasformato ormai in un elemento romantico dell'arredo urbano, quasi facesse parte di un passato già distante.

La crescente spinta verso la motorizzazione intanto stava ridisegnando il rapporto fra illuminazione pubblica ed ambiente urbano. Aumentando il traffico stradale si faceva più stringente il bisogno di illuminare il centro della strada più dei marciapiedi.

I lampioni a stelo o a mensola deposti lungo le strade fornivano la luce a che camminava, le nuove lampade sospese in mezzo alla strada invece dovevano guidare nel buio chi vi transitava alla guida di un'automobile.

Comune di Firenze
FIRENZE SEMPLICE
Servizi dell'area fiorentina

CSQ - Certificazione ISO 9001:2008
CSQ - Certificazione BS OHSAS 18001:2007